GIORNATA MONDIALE DEL COLORE

Nella giornata mondiale del colore abbiamo l’enorme piacere di ospitare nel blog una nostra vecchia e cara conoscenza: la nostra Giorgia Donini.

Giorgia Donini è oggi counselor professionista e abitativo, appassionata di emotività, percezione e colori, che ha ampliato la sua conoscenza sul mondo dei colori grazie alla formazione con il corso sul colore di “Max Luscher” e all’esperienza professionale maturata collaborando con il gruppo Makte. 

Offre servizi di consulenza sul colore e  sostegno al professionista dell’abitare (architetto, designer, arredatore) nel comprendere i bisogni e le necessità del committente, per agevolare il lavoro e creare assieme uno spazio che rispecchi l’abitare del proprio cliente. 

Perché il colore è così importante nella vita di ogni giorno? 

Oggi con Giorgia esploriamo il mondo del colore come necessità di un buon abitare la nostra casa e lo spazio esterno. 

Visita il suo nuovissimo sito: clicca qui!

Credit: Sonora art Village

Può la bellezza salvare realmente il mondo?

Nel 1969 il professor Philip Zimbardo condusse un esperimento di psicologia sociale presso l’Università di Stanford.
Egli lascio due automobili identiche, stessa marca, modello e colore abbandonate in strada, una nel Bronx, zona povera e conflittuale di New York, l’altra a Palo Alto, citta ricca e tranquilla della California.

Lo scenario era quindi quello di due identiche auto abbandonate in due quartieri con tipologie molto diverse di abitanti; mentre una squadra di specialisti in psicologia sociale si mise a studiare il comportamento delle persone in ciascun sito.

Ciò che accadde fu che l’automobile abbandonata nel Bronx comincio ad essere smantellata in poche ore, perdendo ruote, motore, specchi, radio, e cosi via; tutti i materiali che potevano essere utilizzati vennero rubati e quelli non utilizzabili vennero distrutti.

Al contrario, l’automobile abbandonata a Palo Alto rimase intatta, in questi casi e comune attribuire le cause del crimine alla povertà .

Tuttavia, l’esperimento in questione proseguì.

Dopo una settimana, durante la quale la vettura nel Bronx era stata demolita e quella a Palo Alto era rimasta intatta, i ricercatori decisero di rompere un vetro della vettura a Palo Alto;

in breve tempo si verificarono le stesse dinamiche di vandalismo che si erano verificate nel Bronx: furto, violenza e vandalismo ridussero il veicolo lasciato a Palo Alto nello stesso stato di quello abbandonato nel distretto malfamato di New York.

Questa ricerca e conosciuta come la Teoria delle finestre rotte e che cosa ci dice?

Che ciò che esperiamo ogni giorno entra in forte comunicazione con noi, con la nostra percezione della realtà, innescando meccanismi individuali e conseguentemente collettivi.

 

E allora perché parlare di meccanismi collettivi innescati dal degrado, dal vandalismo nelle nostre citta, oggi nella giornata mondiale del colore?
Perché il colore genera un senso di appartenenza, gioia e sicurezza, e il significativo caso della citta di Tirana ne e un esempio.

Il caso del colore nella città di Tirana

E allora perché parlare di meccanismi collettivi innescati dal degrado, dal vandalismo nelle nostre citta, oggi nella giornata mondiale del colore? Perché il colore genera un senso di appartenenza, gioia e sicurezza, il significativo caso della citta di Tirana ne e un esempio. Edi Rama, sindaco per 11 anni della citta, ha deciso di portare il colore nella sua politica. Di utilizzare il colore per rivitalizzare la speranza di una realta ormai perduta, portando la citta e i suoi cittadini ad un senso di appartenenza, cambiando lo spirito delle persone. Grazie al suo background come artista, decise di abbattere quelle strutture obsolete e fatiscenti e di dipingere parte degli edifici di colori sgargianti, creando palette colori armoniche e decise, trasformando lo spazio in un flusso continuo di nuance a cielo aperto e che cosa successe? Le persone cominciarono a buttare meno rifiuti per le strade, a pagare le tasse, alcuni negozianti tolsero le inferiate dai propri negozi perché si sentivano sicuri e protetti, affermando: “E' bellissima, e sicura, c'e il colore!” E' ormai risaputo che il colore porta in sé una forte carica oggettiva e soggettiva. Tutti noi, umani e non, nel momento in cui il fascio di luce colpisce l'oggetto che stiamo osservano, il colore entra in contatto con il nostro occhio attivando dei fotorecettori che portano un messaggio diretto al nostro cervello. Dal cervello viene attivato il nostro sistema endocrino, che portera a sua volta, ad una reazione del sistema nervoso centrale, immunitario e periferico. Questo meccanismo e ben conosciuto all'industria del marketing che utilizza il colore per rendere il proprio prodotto più accattivante e di forte impatto visivo all'acquirente, lo dimostrano gli esperimenti di Satyendra Singh, nel suo studio “Impact of color on marketing”, che dimostrano come quasi il 90% delle interazioni tra il prodotto e il potenziale cliente sono determinate dal colore del prodotto. Perché non utilizzare quindi i colori anche per apportare un maggior senso di benessere e armonia negli spazi che viviamo ogni giorno? Perché non diffonderes un senso di appartenenza e di sicurezza all'interno come all'esterno degli spazi che viviamo e quindi esperiamo ogni giorno? Il Test di Max Lu scher, psicoterapeuta svizzero e un test psicologico che analizza lo stato d'animo di un soggetto in base alla sua preferenza di colori. Tale test e utilizzato per la selezione del personale nella Marina Americana e nel Ministero dell'Interno Italiano. Una modalita per comprendere il nostro cliente e scegliere con cognizioni di causa il colore più adatto all'interno della casa, per sostenere la routine quotidiana con la percezione di elementi che possono diffondere, davvero, uno stato di benessere psico fisico.

Edi Rama, sindaco per 11 anni della citta, ha deciso di portare il colore nella sua politica.

Utilizzare il colore per rivitalizzare la speranza di una realtà ormai perduta, portando la citta e i suoi cittadini ad un senso di appartenenza, cambiando lo spirito delle persone.

Grazie al suo background come artista, decise di abbattere quelle strutture obsolete e fatiscenti e di dipingere parte degli edifici di colori sgargianti, creando palette colori armoniche e decise, trasformando lo spazio in un flusso continuo di nuance a cielo aperto, e che cosa successe?

Le persone cominciarono a buttare meno rifiuti per le strade, a pagare le tasse, alcuni negozianti tolsero le inferiate dai propri negozi perché si sentivano sicuri e protetti, affermando:
E’ bellissima, e sicura, c’è il colore!
E’ ormai risaputo che il colore porta in sé una forte carica oggettiva e soggettiva.

giornata-modiale-del-colore-makte

Cosa succede quando la luca colpisce il colore

Nel momento in cui la luce colpisce l’oggetto che stiamo osservano, il colore entra in contatto con il nostro occhio attivando dei fotorecettori che portano un messaggio diretto al nostro cervello.

Dal cervello si attiverà il nostro sistema endocrino, che porterà a sua volta, ad una reazione del sistema nervoso centrale, immunitario e periferico.

Questo meccanismo e ben conosciuto all’industria del marketing che utilizza il colore per rendere il proprio prodotto più accattivante per l’acquirente.

Lo dimostrano gli esperimenti di Satyendra Singh, nel suo studio “Impact of color on marketing”, che dimostrano come quasi il 90% delle interazioni tra il prodotto e il potenziale cliente sono determinate dal colore del prodotto.

Perché non utilizzare quindi i colori anche per apportare un maggior senso di benessere e armonia negli spazi che viviamo ogni giorno?
Perché non diffondere un senso di appartenenza e di sicurezza all’interno come all’esterno degli spazi che viviamo e quindi esperiamo ogni giorno?

Il Test di Max Luscher, psicoterapeuta svizzero, e un test psicologico che analizza lo stato d’animo di un soggetto in base alla sua preferenza di colori. Tale test è utilizzato per la selezione del personale nella Marina Americana e nel Ministero dell’Interno Italiano.
Una modalità per comprendere il nostro cliente e scegliere con cognizioni di causa il colore più adatto all’interno della casa, per sostenere la routine quotidiana con la percezione di elementi che possono diffondere, davvero, uno stato di benessere psico-fisico.

E noi di Makte come potremmo festeggiare questa giornata se non mostrandovi le migliaia di colori disponibili nella nostra grande ed unica materioteca!!

Scopri tutti i nostri materiali cliccando qui

Makte